Ott 102005
 

Ieri, su un gruppo di discussione a tutt’altre faccende dedicato, ho letto questo messaggio.

Si parlava di affinità e divergenze tra comunismo e nazismo e a questo proposito mi ha molto colpito il seguente estratto dal dialogo:

"while my hooter gently toot-tooooooots"
<nutb...@nuthouse.looney>
> "Stefano Rizzo" <stefanori...@tele2.it>

>> Per quanto riguarda i due totalitarismi dire
>> che ambedue furono terribili e umanamente
>> sullo stesso piano non significa poi non
>> vedere le enormi differenze storiche. 

> Il che non toglie la parità sostanziale nella
> concezione e nel disporre dell'uomo come
> massa e corpo da riplasmare ex novo,
> innanzitutto.

Perché, vedete, trascurando il merito della discussione, su cui non potrei essere piú in disaccordo, e trascurando anche l’effettivo contenuto delle due ideologie, io ritengo che il riplasmare l’uomo ex novo sia sí una loro caratteristica comune, ma positiva. Basti pensare che creazione e sviluppo di un uomo nuovo non sono affatto scopi che caratterizzano di per sé un’ideologia totalitaria, qualunque cosa questo ambiguo termine indichi, dato che sono condivisi anche dal socialismo utopistico (per intenderci, penso a H.G. Wells piú che a Thomas More) e da certa ideologia anglosassone della frontiera, per esempio le federazioni della fantascienza, partendo da Wells stesso, attraversando le opere di Olaf Stapledon (soprattutto quelle), passando per Isaac Asimov, arrivando infine a Star Trek.

A meno, dunque, di includere anche l’ex-impero britannico e l’attuale impero statunitense tra i totalitarismi, non vedo proprio cosa dimostri la frase sopra riportata. Non certo, comunque, ciò che vorrebbe dimostrare.


Update

E infatti, tanto per provare che certe cose sono nell’aria, ecco che uno studioso noto soprattutto per le sue clamorose castronerie rincara la dose con un articolo cosí denso di fallacie logiche che non vale neppure la pena di discuterne.

 Posted by at 09:38  Tagged with:

  2 Responses to “Punti di vista”

  1. plasmare l’uomo non è cosa nè buona nè cattiva. è come, il problema. concordo com’è ovvio con te sull’idiozia dell’articolo di fukuyama.

  2. > plasmare l’uomo non è cosa nè buona nè cattiva. è come, il problema.

    Come e soprattutto da chi. Io mi offro volontario.

Sorry, the comment form is closed at this time.