Dic 162005
 

Articolo 353 del codice penale (di Lucio Terenzio Varrone detto “Il Divino”)

Colui che con promesse e collusioni
con violenza, minaccia, o ricchi doni,
turbi le gare nei pubblici incanti
o le impedisca, e le licitazioni,
quelle private che si fan per conto
delle pubbliche amministrazioni,
ovvero ne allontani gli offerenti,
ne sia punito con la reclusione
fino a due anni, inoltre sia multato
con variabile somma, che partire
facciamo da quarantamila lire
fino a giungere a quattrocentomila.

Fugga lungi costui, a me non osi
in futuro ricomparir davanti
finché la legge umana non rinnovi
la turbata libertà degli incanti.


Si ringrazia per l’ospitalità il buon fB

Sorry, the comment form is closed at this time.