Ott 062006
 

Il punk americano degli anni ’70, che pure precede e ispira quello inglese, ha ottenuto un successo commerciale di gran lunga inferiore, almeno inizialmente e con la notevole eccezione dei Ramones. Risulta quindi assai difficile costruire un’antologia di video d’epoca riferiti alla sponda piú lontana dell’Atlantico.

Tuttavia è disponibile su Youtube un documento d’eccezione, registrato nel 2003 presso la House of Blues di Anaheim dalla formazione per quattro quinti originale degli Adolescents, non piú tali da un bel pezzo, di fronte a un pubblico che si immagina composto da figli ormai adulti e da nipoti, quelli sí, ancora adolescenti.

Il fisico non è piú quello di un tempo, il bassista Steve Soto e il mitico chitarrista Rikk Agnew, che devono essersi sottoposti a una rigidissima dieta a base di hamburger, hanno assunto proporzioni sferiche e rotolano per il palco evitando di guardarsi negli occhi per non scoppiare a ridere. Tony “Cadena” Reflex, anche lui non esattamente un figurino, ha un po’ smarrito la voce dei tempi migliori, mentre l’ossigenato Frank Agnew è l’unico che si difende almeno parzialmente dai guasti del tempo.

Lo spirito, tuttavia, è sempre quello di una volta e questa versione del monumentale cavallo di battaglia “Kids of the Black Hole” non sfigura affatto al cospetto dell’originale inciso nel lontano 1980, brano fondamentale del primo hardcore punk.

Del resto il punk, quello vero, non ha mai privilegiato le apparenze se non per prendersene gioco. Enjoy.

…e se non vi basta, presso il sito dei produttori del DVD contenente l’intero concerto è disponibile anche il non meno furibondo clip di “No Way”

Sorry, the comment form is closed at this time.