Gen 202008
 
FANCIULLA, CHE COSA È SATANA? - Aleardo Aleardi (1871)

Satana è un sogno. Lui creâr la nera
Colpa e i rimorsi. Satana è Caino,
Che fugge pei deserti come fiera
Inseguita dal fulmine divino.

Satana è un sogno. È Attila, che passa
Sui teschi umani con le truci schiere.
E persin l'erba disseccata lassa
Sotto l'unghia dal tartaro corsiere.

Satana è un sogno; È il perfido Macbeto,
Che afferra del tradito ospite il trono.
Satana è in noi. È l'orrido segreto
Di quelle colpe, che non han perdono.

Che se d'odî il mortal stanco e di guerre 
Togliesse un giorno a vivere d'amore,
Pei mari allor si udrebbe e per le terre
Una voce gridar: «Satana muore.»

Sorry, the comment form is closed at this time.