Lug 022008
 

Per fortuna che sull’argomento in questione ha scritto un commento Paolo Attivissimo, ché a me è difficile mantenere la calma di fronte a certe ovvie stronzate. È mai possibile che tra guardia di Finanza, TGCom e Corriere della Sera non si trovi una persona, dico una, dotata di una dose minima di buon senso?

Rimarcherei anche che influenze del genere causate sulla psiche da impressioni sensoriali non sono esattamente una novità, si intendono proibire anche lo stormire delle fronde e il rombo delle cascate, che hanno analoghe conseguenze? Dobbiamo tutti acquistare una bella vasca di queste (hat tip: Richard Feynman) per rinchiudervicici[1] dentro e ottenere il medesimo effetto con mezzi opposti?


[1] l’Italiano, questa buffa lingua. Affascinato dall’estrema bruttezza di questo trisdrucciolevole termine mi trovo come paralizzato e incapace di trovare un’alternativa. Altro che iDoser.

  5 Responses to “Sempre sulla stronz… notizia”

  1. ho letto anche io la notizia sul sito di attivissimo, ed anche in pagina 2 dell’edizione romana di Metro, la reporter (? bah) Giulia Metta afferma di aver scaricato un mp3 che si chiamava “Antidepressivo”, ma gli effetti li ha avuti solo di notte, visto che non è riuscita a dormire.

    aspetto una puntata di Porta a Porta, su questo, vi prego datemi Vespa che interroga Crepet sulla I-Dose….

  2. [1] Rinchiudervicisi ?

  3. @gravitas: no, il “si” è impersonale, io intendevo proprio usare la prima persona plurale… credo che il termine corretto sia rinchiudercivici (per valori molto piccoli di “corretto”).

  4. italiano -> lol

    i-robba -> sigh!

  5. Tre mesi e quattro giorni dopo il Corrierone si accoda pure La Repubblica. Non ci si finisce mai di stupire.

Sorry, the comment form is closed at this time.