Lug 272008
 

Qualunque melodia più dolce suona
qua giù e più a sé l'anima tira,
parrebbe nube che squarciata tona,

comparata al sonar di quella lira
onde si coronava il bel zaffiro
del quale il ciel più chiaro s'inzaffira.

“Io sono amore angelico, che giro
l'alta letizia che spira del ventre
che fu albergo del nostro disiro;

e girerommi, donna del ciel, mentre
che seguirai tuo figlio, e farai dia
più la spera supprema perché lì entre”.

Zàffiro un par di palle.


NB: in quanto all’uso accademizzante dell’accentazione alla greca, io mi rifaccio a questo.

Sorry, the comment form is closed at this time.