Maestri

 Post  Commenti disabilitati su Maestri
Mag 202015
 

Se non Cesare né Augusto sarò Lucio Munazio Planco.

 Posted by at 20:03  Tagged with:

Invece

 Post  Commenti disabilitati su Invece
Apr 132015
 

Invece, in contrapposizione con l’opus magnum di Günter Grass, un libro che mi sta piacendo è “I detective selvaggi” di Roberto Bolaño, comprato svariati anni fa e lasciato da parte perché mi ero dimenticato di averlo. Mi piace, ma non lo consiglierei a nessuno.

 Posted by at 12:17  Tagged with:

Non so a voi…

 Post  Commenti disabilitati su Non so a voi…
Apr 132015
 

…ma a me “Il tamburo di latta” non era piaciuto.

 Posted by at 12:04  Tagged with:

Sarà…

 Post  Commenti disabilitati su Sarà…
Ott 282014
 

… ma a me risultava che il potere legislativo fosse del parlamento e non del governo.

Domanda retorica

 Post  Commenti disabilitati su Domanda retorica
Set 152014
 

Ma della grave e preoccupante schizofrenia che porta la stampa italiana ed europea, e non solo la stampa, a stigmatizzare preoccupatissima come nazista l’avanzata elettorale, che non le porterà al governo, delle destre populiste in Svezia, come già in Francia e Inghilterra — e già che ci sono anche in Germania dove il fenomeno dell’AfD ha tuttavia caratteristiche significativamente differenti — mentre al contempo tale medesima stampa supporta entusiasticamente i veri nazisti golpisti che hanno preso il potere in Ucraina… di questa schizofrenia, dicevo, quali saranno mai le cause? Domanda retorica, eh.

Perché non sono più di sinistra

 Post  Commenti disabilitati su Perché non sono più di sinistra
Set 142014
 

A dire il vero io mi riterrei ancora tale, non avendo avuto motivo di cambiare idea, ma nessuno dei partiti o dei movimenti che in Italia e, più in generale, in Europa, si definiscono tali mi rappresenta più e proprio non voglio che mi si possa confondere con costoro. Utilizzando il vocabolario della mia gioventù nessuno di quei partiti è neppure lontanamente di sinistra,  né il PD nel complesso delle sue democristiane correnti, né la minoranza rappresentata da SeL, né i minorati di Rifondazione e del PdCI e la galassia di frammenti che li accompagnano. Forse ci potrebbero essere un paio di eccezioni, quali il CSP di Marco Rizzo, ma hanno la stessa rilevanza di Lotta Comunista e del Partito Comunista Marxista-Leninista, cioè nessuna, e si possono tranquillamente considerare come non esistenti. Ho come l’impressione che tutte le persone al contempo intelligenti e oneste, ammesso e non concesso che un tempo ce ne fossero, da quei partiti se ne siano andate da tempo lasciando solo i disonesti e gli imbecilli. E soprattutto i disonesti imbecilli, che da quelle parti ora sono legione.

Per quanto mi riguarda la goccia che ha fatto traboccare il vaso è stato l’entusiastico consenso attribuito alle oscure manovre che portarono alla caduta del governo Berlusconi il 16 novembre 2011. Non ho mai avuto particolari simpatie per il Silvio nazionale, anzi, penso che i suoi siano stati i peggiori governi possibili, ma, come capita, lo sono stati a eccezione di tutti gli altri che, sembra impossibile, hanno tutti fatto persino peggio, inclusi i governi guidati da Prodi, D’Alema, Amato, Letta e Renzi, di cui non saprei dire chi sia stato il peggiore, ma di cui so dire che non hanno fatto alcunché di meglio del pur pessimo cavaliere. Ma  esultare quando la padella del governo Berlusconi fu sostituita dalla brace del governo Monti, cioè quando un governo di centro destra è stato sostituito da un governo di destra fascista (nel vero senso della parola, non in quello distorto che da noi si usa da decenni), e non solo esultare, ma appoggiarlo cordialmente ed entrare a far parte della sua maggioranza, questo è un delitto che io non potrò mai perdonare. Possano tutti costoro sparire dalla faccia della terra ed essere sepolti da un oblio eterno. Forse un giorno rivedremo una sinistra degna di questo nome, a oggi io non ne vedo alcuna, quelle poche idee di eguaglianza sociale ed economica che sopravvivono, quelle che riprendono le parole d’ordine dei movimenti operai e studenteschi della mia gioventù, si incontrano, paradossalmente, solo nei partiti di destra e di estrema destra. O tempora, o mores. Tutto ciò che Renzi sa estrarre dalla vuote parole della propria propaganda sono quegli 80 euro, una versione peggiorativa della Carta Acquisti (o Social Card) per la quale Berlusconi fu tanto sbeffeggiato a suo tempo e che, quella sì, era utilizzabile solo per incrementare i consumi, e dunque funzionava e avrebbe ancora funzionato, per quanto poco e male, dove gli 80 euro renziani hanno fallito del tutto.

Di tutto quello che ho detto ho le prove, nei fatti e nelle parole, e non solo le ho io, ma le avete tutti quanti di fronte. Avete occhi per vedere e non guardate, avete orecchie per udire e non ascoltate. Il PD ha portato al governo il criminale sotto intervistato, che rivela chiaro e tondo il proprio programma: “we are actually destroying domestic demand through fiscal consolidation”. Se siete saggi guarderete e ascolterete il video seguente per intero e per meditarvi a lungo. Che il sangue dei nostri fratelli e dei nostri figli ricada su tutti loro: