Ott 032005
 

Osservata dal nostro pianeta la rotazione apparente del sole avviene da oriente a occidente, se l’osservatore si trova a nord del tropico del Cancro tale rotazione appare sempre avvenire in senso orario, da sud del tropico del Capricorno il senso apparente è antiorario. Tra i due tropici il senso varia seguendo le stagioni.

Essendo noi Italiani rimasti per lo piú confinati in un solo emisfero, la nostra lingua non possiede parole che si riferiscano esplicitamente al verso di rotazione del sole, per contro l’inglese, lingua di un impero marinaro esteso sull’intero globo e assai piú ricca di vocaboli (ne ha circa il doppio dell’italiano), ha due termini che si riferiscono esplicitamente al verso di rotazione solare e a quello opposto, rispettivamente “deosil” e “widdershins”. Termini che in italiano possono essere resi soltanto con una perifrasi.

E cosí, a nord dei tropici, “deosil” coincide con “clockwise” e “widdershins” con “anticlockwise”, a sud vale il viceversa. Se a mezzogiorno di un giorno equinoziale vi trovaste a cavallo dell’equatore il sole vi passerà esattamente sopra la testa e potreste avere qualche difficoltà a deciderne il verso di rotazione.

 Posted by at 10:27  Tagged with:

  7 Responses to “Fermati, o sole”

  1. io sapevo che erano sono due versioni arcaiche di clockwise e anticletc.

  2. …un saluto alla tua bella terra ^_^

  3. In epoca arcaica (“deosil” è un termine gaelico) non c’era differenza tra le due cose, dato che i Britanni non conoscevano l’esistenza dell’emisfero sud. “Deosil” comunque significa “seguendo il corso del sole” (“de o’ sil”).

    I termini sono in uso anche nei rituali magici pagani moderni, per descrivere le fasi lunari (deosil = waxing = verso della luna crescente; widdershins = waning = verso della luna calante), ma credo siano suggestioni recenti.

  4. > …un saluto alla tua bella terra

    I miei vasi di gerani ricambiano.

    > ^_^

    Preferirei che qui ci si astenesse dalle faccine, soprattutto quelle nipponiche che i giapponesi non userebbero mai.

  5. vedi come si somigliano occaso e occasione.

  6. interessante.

  7. > In epoca arcaica non c’era differenza tra le due cose

    Mi sono di colpo sovvenuto di come in epoca arcaica non ci fossero orologi, e dunque neppure un senso “orario” e “antiorario” come lo intendiamo oggi: l’ombra delle meridiane ruota in accordo con il sole.

Sorry, the comment form is closed at this time.