Ott 062005
 

C’è un problema di linguaggio e di interpretazione.

Quando, nel corso delle previsioni del tempo, il meteorologo dice che pioverà per i prossimi due giorni io capisco, mi pare correttamente, che egli preveda che pioverà per i prossimi due giorni… e poi chissà.

La maggior parte degli altri, di voi altri, pensa invece che il meteorologo intenda dire che tra tre giorni ci sarà il sole, per poi soprendersi, oh quanto a torto, del diluvio torrenziale che segue e lamentarsi che le previsioni fossero completamente sbagliate.

Qualche persona "normale" mi spiega quale contorto meccanismo mentale si cela dietro questo bizzarro genere di incomprensione?

 Posted by at 01:15  Tagged with:

  2 Responses to “Prometeo ed Epimeteo”

  1. Speranza?

    Ma non dubitavo che tu la pensassi cosi’…

  2. La probabilità che il tempo sia lo stesso del giorno prima è sempre altissima, cosa che mi conforta nel mio modo di vedere le cose. Non conforta chi le previsioni le deve fare, tuttavia, perché l’interesse sta proprio nel prevedere i cambiamenti.

Sorry, the comment form is closed at this time.