Nov 282005
 

Amiche e amici cari per cui ho espressamente creato questo weblog in sostituzione di quell’altra cosa per la quale ho perso interesse nel frattempo, almeno un commento anonimo ogni sei mesi potreste lasciarlo, cosí, per rinfrancarmi un poco. Hint hint.

 Posted by at 20:51  Tagged with:

  9 Responses to “Ci si domanda”

  1. In questi giorni di limbo psicologico, dopo aver inviato inauditi (non letti, cestinati, spam-fighted…) curriculum vitae, passo volentieri a leggere il blog, ma la fisica e la letteratura non sono ,purtroppo, pane quotidano di tutti , forse il rock, ma come ben sai io ed il Mauraz (a.k.a. molto peggio di me) siamo inchiodati agli anni 80 ed è quello su cui mi soffermo con più interesse…

    In ogni caso, l’assenza di comenti non significa non frequentazione del blog.

    “Keep on keepin’ on” RedSkins (o ricordo male?)

    Pierpaolo.

  2. > limbo psicologico

    Comprendo, ahimé. Ogni giorno che passa l’agricoltura sembra progressivamente piú attraente. Il problema è che dalle tue parti rimangono disponibili solo i lati delle colline esposti verso nord, e non è che ci si possa far crescere gran che. Comunque non il dolcetto.

    Ti darei buoni consigli se ne avessi, ma temo di non poter far altro che darti il cattivo esempio.

    > inchiodati agli anni 80

    E io di che parlo? Di Not Moving, Hüsker Dü e Throwing Muses…

    evitate it.arti.musica.rock come la peste e vi troverete bene, è un pericoloso covo di revisionisti, quello.

  3. Dimenticavo, “Keep On Keepin’ On”, la versione originale è di Nolan F. Porter. I Joy Division l’avevano in repertorio e ne trassero ispirazione per “Interzone”, se non sbaglio.



  4. l’assenza di comenti non significa non frequentazione del blog.



    quoto

    firmato nahum

  5. Certo, ma non parlavo mica a te, caro amico virtuale. Io il blog l’ho aperto per una banda di ignavi par miei che non ho conosciuto tramite Internet.

    E invece mi trovo a essere frequentato da Usenettari (fancoolers, e persino un paio di ARKiani che chissà cosa ci capiscono qui dentro) e da alcuni twentysomething (ahimé, di sesso maschile) con cui ho commesso l’errore di interagire un po’ troppo fingendomi uno dei loro.

  6. per gli ignavi della banda de cuius

    leggere senza commentare è come seminare senza annaffiare (proverbio yddish)

  7. Caro “utente anonimo yiddish”, leggerei volentieri un tuo commento a tono sulla “Teoria degli ottonioni” (vedi post di giovedì, 13 ottobre 2005

    “Con le scarpe slacciate”)

    Pierpaolo (a.k.a. Cravizza)

  8. vabbe’, ti leggo sempre e non commento mai.

    ipazia/carmen

  9. > vabbe’, ti leggo sempre e non commento mai.

    Premesso che commenti da parte tua sarebbero graditissimi, visto che non avresti remore a correggermi quando sbaglio, anche tu sei fuori target.

    Dovrò essere piú chiaro nelle mie oscure allusioni, DOVE SIETE, O ISCRITTI ALLA MIA MAILING LIST? (con l’eccezione di Pierpaolo, che si è identificato)

Sorry, the comment form is closed at this time.