Feb 062006
 

Nonostante io non possieda un notebook della ASUS, bensí un desktop basato su una scheda madre MSI, ero misteriosamente afflitto da questo problema che mi ha impedito per qualche tempo di aggiornare il kernel Linux oltre la versione 2.6.12. Il problema consiste in un blocco totale del computer al momento del boot, quando i moduli ACPI ed EHCI sono contemporaneamente attivati.

Disabilitare ehci_hcd, il driver USB 2.0, era possibile, ma assai fastidioso e avrebbe comportato l’utilizzo del driver USB 1.1 e quindi un’intollerabile riduzione della velocità d’accesso ai miei dischi esterni. Disabilitare completamente il supporto ACPI (Advanced Configuration and Power Interface) avrebbe avuto l’effetto collaterale di sopprimere quello per l’hyperthreading che voi non saprete cos’è, ma a me è molto utile, per non dire necessario, per ascoltare file musicali senza fastidiosi salti e interruzioni.

Oggi, finalmente, ho finalmente trovato il tempo di giostrare un po’ con la configurazione del kernel,
scoprendo che posso lasciare abilitati sia il supporto EHCI che quello ACPI e ciononostante evitare il congelamento in partenza, quindi gioisco. È bastato togliere dal kernel alcuni moduli utili soprattutto per i portatili, non so e al momento non mi interessa quale di loro fosse il colpevole, e tutto è andato meravigliosamente a posto.

Nel frattempo gli autori delle suddette componenti del kernel Linux discutono tra loro, palleggiandosi le proprie responsabilità e non riuscendo a decidere chi debba trovare una soluzione, trovandosi d’accordo solo nell’attribuire la colpa ai bachi presenti nelle tabelle ACPI del BIOS. Diagnosi che sarà anche corretta, ma è assai poco utile nella pratica. Si noti infatti come il problema, per i possessori di notebook ASUS che il supporto ACPI ce l’hanno bisogno tutto intero, non sia affatto risolto. A un certo punto ho persino temuto di dover mettere una pezza al problema io stesso, mo’ son cazzi loro.

Sorry, the comment form is closed at this time.