Apr 032006
 

The name “GEROGERIGEGEGE” has nothing to do with ‘gay’ in Japanese, but comes from vomiting (GERO), diarrhea (GERI), in Japanese, and the letters GEGEGE. I was conscious of a feeling of freedom by choosing this name. But I am very glad if you pronounce it “GERO-GERI-GAY-GAY-GAY”. Very good!!!

(Juntaro Yamanouchi)

Dimenticate Boredoms, Masonna, Merzbow e dilettanti del genere, solo i Gerogerigegege mantengono ciò che promettono (vedasi anche la pagina loro dedicata su allmusic).

Il link a questo video (NOT work safe!) volevo postarlo nei commenti di Brullo, ma colà si sta amenamente discorrendo con poco criterio di baci e spari, sarà invece meglio metterlo qui.


Aggiornamento.

Basically we just… we were convinced that rock music had reached a dead
end with prog rock, had become just commercially motivated and really had
no authentic content anymore. So we thought: “what would happen if we
took the concepts of John Cage and the generalism approach of the Velvet
Underground and took away the rhythm’n’blues?” … The rhythm’n’blues
became almost a tyrant in terms of rock music for a while, if you just
decided that there were no rules, that… that… one tried to invent
music that was actually post-industrial… in a way rhythm’n’blues is
pre-industrial: slave labour and agriculture and… what would happen
if you went a step beyond and embraced industrialization and technology
and also admitted that you were an angry, disenfranchised white kid from
western culture? Where’s your music? What would it sound like? So we
decided to do that, to just suspend any expectation of what music should
be and see what happened.

[Fondamentalmente eravamo proprio… eravamo convinti che con il progressive
la musica rock fosse entrata in un vicolo cieco, che ormai fosse incentivata da motivi commerciali senza piú alcun autentico contenuto. Cosí pensammo: “che
accadrebbe se prendessimo i concetti di John Cage e la metodologia generalista
dei Velvet Underground e tralasciassimo il rhythm and blues?” … Da qualche tempo il rhythm and blues aveva stabilito una specie di tirannia nei confronti del rock, ma se si fosse deciso che non c’erano regole, che… che…
se qualcuno avesse provato a inventarsi una musica davvero post-industriale…
in un certo senso il rhythm and blues è pre-industriale: il lavoro degli
schiavi e l’agricoltura e… cosa sarebbe successo se si fosse fatto un altro
passo in avanti per adottare l’industrializzazione e la tecnologia e si
fosse infine ammesso di essere dei ragazzi bianchi arrabbiati ed esclusi,
appartenenti alla cultura occidentale? Dov’era la propria musica? Come
sarebbe suonata? Cosí decidemmo di farlo, di sospendere ogni aspettativa
su come la musica sarebbe dovuta essere e di vedere cosa sarebbe successo.]

(Genesis P. Orridge, parlando dei Throbbing Gristle in una recente intervista)

Ecco, i Gerogerigegege sono andati ancora piú in là, oltre al rhythm and blues hanno levato dalla propria opera il rock and roll, la droga e il sesso. Con l’aspirapolvere.

  One Response to “E ora qualcosa di completamente perverso”

  1. cmsg newgroup alt.gero.geri.ge.ge.ge y

Sorry, the comment form is closed at this time.