Nov 212008
 

Ciro di Pers (1666)
VERME DI SETA

Questa serica spoglia, onde a momenti
folle mi gonfio, e la mia sorte oblio,
ah, veggo pur che di vil fronda uscìo,
e ch'a me fa sputar vermi fetenti.

Ben fa, che di me stesso io mi rammenti
poich'ancora a lei pari è l'esser mio,
ché Verme io son nelle sozzure anch'io
ché fronda io son di ciechi affetti ai venti.

Ben scorgo in lei che l'uman corso è corto,
ch'io cadrò come foglia; e fuggitivo
da un Moro, ahi lasso, al mio morir mi porto.

O come tosto al mio gran fine arrivo,
oggi vivo mi veste un verme morto
diman morto mi rode un Verme vivo.

Sorry, the comment form is closed at this time.