Gen 102009
 

Si tratterà, come al solito, di un caso dovuto al piccolo campione statistico, ma tutti gli appassionati di musica classica che ho personalmente udito esprimere un parere in merito alla querelle tra Uto Ughi e Giovanni Allevi si sono dichiarati a favore del secondo, pur con formula dubitativa. “Innocuo” questo, “trombone” quello.

Le critiche su Allevi, la cui musica non conosco minimamente (non l’ho ascoltato e non mi interessa), potranno anche essere fondate, ma potrebbero essere rivolte pari pari alla musica romantica[1][2] — e in effetti è davvero capitato che vi fossero rivolte. Meglio lasciar giudicare la storia.


[1] in campo artistico, e non solo, “classico” e “romantico” sono termini contrapposti, è paradossale che l’espressione “musica classica” — i cui maggiori esponenti, se si intende l’espressione letteralmente, sono Haydn e Mozart, ma che includerebbe moltissimi altri compositori meno noti, ma non di minor valore — sia venuta a includere anche, se non soprattutto, la “musica romantica” (Schumann, Mendelssohn, Liszt, Tchaikovsky, Chopin, Brahms, Mahler, Wagner…). C’è una giustificazione, naturalmente, fornita dall’insolita importanza di due compositori di transizione tra le due epoche: Beethoven e Schubert, la sopravvivenza delle cui opere annebbia in parte la distinzione;

[2] a me, che non apprezzo i virtuosismi in campo musicale per lo stesso identico motivo per cui non apprezzo in campo letterario le opere di Baricco, la musica romantica piace in genere meno di quella classica, con numerose e significative eccezioni (Mussorgsky e Bruckner, per dirne due). L’insofferenza per i virtuosismi tecnici è anche uno dei motivi che mi allontana dall’heavy metal, affiancata a uno sviluppato senso del ridicolo. Mi affretto a precisare “virtuosismo fine a sé stesso”, dopo aver dato una rapida occhiata alla mia playlist nella colonna di destra, che in questo momento riporta in prima posizione i tuvani Huun-Huur-Tu affiancati al coro di voci bulgare “Angelite”.

Sorry, the comment form is closed at this time.