Mag 262009
 

Al di là degli scarsi meriti dell’autore, Young Blood, secondo 33 giri di Jack Trombey e del suo gruppo di session-men pubblicato dalla De Wolfe nel 1966, è un disco indispensabile che ogni Italiano degno di tal nome dovrebbe obbligatoriamente possedere. Tutto merito degli ultimi mirabili quindici secondi di “Pancho”, la traccia numero sette per altro riconoscibilissima fin dalle prime note, che hanno letteralmente fatto la storia. L’autore del brano è Julius Steffaro che, come Jack Trombey stesso, non è che uno dei tanti pseudonimi dell’autore olandese di musica da film nonché suonatore di trombone Jan Stoeckart.

Jack Trombey – Young Blood (1966)

In coda, vorrei esprimere un sentitissimo ringraziamento postumo al recentemente scomparso Fravia per i suoi preziosissimi consigli. A presto.

Sorry, the comment form is closed at this time.