Feb 272012
 

Persino peggio del 1974. La crisi infuria e gli appassionati, disperati, si danno al jazz-rock, una specie di mostro di Frankenstein paragonabile a un frullato alla pancetta. La pancetta mi piace e i frullati anche, ma resto convinto che l’unione dei due sia una pessima idea. Poche idee, e quelle poche confuse. Naturalmente non tutto è perduto, la playlist non è certo abbondante, ma è pur sempre ottima. Nelle retrovie nasce e sta inaspettatamente per esplodere la new wave, esordiscono su disco i divertenti Dictators e la temporanea colonna portante del mitico CBGB, i misconosciutissimi Orchestra Luna di Richard Kinscherf, il futuro e altrettanto misconosciuto Rick Berlin, che  — è una mia personale teoria suffragata da pochi fatti, ma molti indizi — è in questo periodo una fondamentale sorgente di ispirazione per il timidissimo David Byrne.

Link diretto alla playlist.

Sorry, the comment form is closed at this time.