Apr 262012
 

Proseguono i filoni in voga negli anni precedenti, ma il 1986 è soprattutto l’anno in cui il fiume del pop straripa e si diversifica in molteplici rivoletti, a propria volta destinati a crescere. Agli Smiths si affiancano Housemartins e Wedding Present, questi ultimi compresi nell’antologia C-86 che origina il movimento twee-pop ottimamente rappresentato da Talulah Gosh, mentre i Pastels continuano a rappresentare il lato ingenuo dell’indie pop. L’etichetta 4AD affianca ai suoi gruppi dream pop l’alternative delle esordienti Throwing Muses, i Soup Dragons rifanno il pop punk dei Buzzcocks, i Talk Talk, gruppo pop di successo, cominciano a muoversi nell’inaspettata direzione che li vedrà cofondatori del post-rock insieme ai diversissimi Slint. PWEI e Zodiac Mindwarp danno il via al molto vilipeso genere Grebo.

Link diretto alla playlist.

1986 by Philip Rembrandt on Grooveshark

Sorry, the comment form is closed at this time.