Dic 192012
 

I Sound sono un altro complesso compreso tra i miei cinque preferiti, nonché uno dei più grandi misteri del rock: nonostante l’appoggio quasi unanime della critica, il possesso di un talento superiore a quello di tanti loro contemporanei, l’indiscusso carisma del loro leader Adrian Borland, una grande carica nei concerti dal vivo e una carriera discografica priva di sbavature, comprendente i primi tre album pubblicati e distribuiti da una major, non hanno mai goduto di alcun significativo successo, se non in aree relativamente marginali come Olanda e Portogallo. Il suono dei Sound rappresenta una sorta di trait d’union tra i Joy Division e gli U2, in debito verso i primi e in credito verso i secondi, che da Borland e compagni sembrano aver tratto ispirazione per le loro prime mosse (l’album “War” soprattutto).

Ho sempre ritenuto che sarebbe dovuto essere loro di diritto il posto che la storia ha invece riservato agli U2, bravi sì, ma fotocopia di decine di altre band consimili di pari bravura (l’umile Adrian era per altro un loro grande fan). Lo sventurato destino di Colvin Myers e Adrian Borland suggella per sempre la tragedia priva di riscatto di quello che fu senz’altro il più grande gruppo della new wave inglese.

  • Adrian Borland – vocals, guitar
  • Bi Marshall – keyboards (1-2)
  • Colvin “Max” Meyers – keyboards (3-9)
  • Graham Bailey – bass guitar
  • Mike Dudley – drums

[grooveshark width=”250″ height=”250″ type=”playlist” id=”27667491″]The Sound[/grooveshark]

La lista delle canzoni:

  1. Statik (1979, Propaganda)
  2. I Can’t Escape Myself (1980, Jeopardy)
  3. Hour of Need (1980, Jeopardy)
  4. Winning (1981, From the Lion’s Mouth)
  5. The Fire (1981, From the Lion’s Mouth)
  6. New Dark Age (1981, From the Lion’s Mouth)
  7. Monument (1982, All Fall Down)
  8. Where the Love Is (1982, All Fall Down)
  9. Callin’ the New Tune (1982, All Fall Down)
  10. Blood and Poison (1984, single)
  11. Counting the Days (1984, Shock of Daylight)
  12. One Thousand Reasons (1985, Heads and Hearts)
  13. Acceleration Group (1987, Thunder Up)
  14. Barria Alta (1987, Thunder Up)
  15. Kinetik (1987, Thunder Up)
 Posted by at 14:00  Tagged with:

Sorry, the comment form is closed at this time.