fB

FRAMMENTO DA UN DIALOGO ONIRICO «Qual è quel termine che si usa per indicare l'imitazione di oggetti da parte di animali?» «Intendi il mimetismo? Come quando un insetto si atteggia a pietra, corteccia o foglia? O il camaleonte che cambia di colore?» «No, stavo pensando piuttosto a qualcosa di molto piú complesso. Ricordi quando quella mandria di mucche si dispose a forma d'orologio e prese a segnare l'ora esatta, con le lancette, il pendolo e tutto? Spendemmo giorni e giorni per recuperare dal folto della foresta gli altri animali terrorizzati.»

Dic 242019
 

La storia non ricorda Sempronio Vigile, autore di un romanzo fantasiosamente autobiografico nel quale descriveva in minuto dettaglio la propria opulenta vita sociale, la cui opera andò totalmente e irrimediabilmente perduta nel corso di un trasloco. Andò parimenti smarrita la sua preziosa e intonsa edizione integrale in 41 volumi delle “Antiquitates rerum humanarum et divinarum” di Marco Terenzio Varrone Reatino. Sempronio dedicò il resto della propria vita alla ricerca ossessiva dell’opera perduta, dilapidando nell’impresa il proprio già cospicuo patrimonio, la propria già ferrea salute e il proprio già profondo intelletto, spegnendosi infine pazzo, malato e in miseria.

Dic 232019
 

La storia ha misericordiosamente dimenticato Gneo Mario Sertorio Sillano, autore per incarico dell’imperatore Gallieno di una proposta di riforma monetaria assurdamente fondata sull’ambra, rivelatosi tuttavia materiale completamente inadatto a rimpiazzare i metalli preziosi nell’economia dell’epoca. Personaggio odiatissimo dalla plebe a causa della propria accondiscendente arroganza e della paternalistica supponenza di cui ammantava le proprie conclamate buone intenzioni, Sillano fu trucidato dalla folla inferocita nel periodo di tumulti seguito alla scomparsa di Gallieno. Il successore Claudio II il Gotico fece saviamente cadere la sua riforma nell’oblio. Una proposta simile contemporaneamente avanzata all’altro capo del mondo dal ministro cinese Mao Wei all’imperatore Jin Wu Di, basata sulla giada, ebbe migliore accoglienza, ma non miglior fortuna.

Dic 232019
 

In cui non è più inutile ribadire che il mero nome che assegniamo a un oggetto non coincide con la nostra costituzione mentale dello stesso e neppure descrive per intero i valori che gli associamo.

Postilla: Laddove l’insensato tag ‘realtà’ si riduce a sottoinsieme di una qualche apodittica elementare.

Nov 062019
 

Anni fa eravamo seduti ad aspettare il tramonto, il dottor Saunders e io, sulla veranda della sua villa che dà sull’oceano, osservando le onde tranquille smorzarsi quietamente sulla sabbia. Era piacevole sorseggiare una bibita fresca anche se il caldo non era opprimente e non ci arrecava alcun fastidio.

Senza preavviso, pacato, ma fermo come era sua abitudine, Saunders mi si rivolse “lei, caro amico, non esiste”; dovetti silenziosamente convenirne, forse abbozzai un cenno di assenso, ma credo che non lo feci poiché non ve n’era necessità. All’universo non serve l’assenso di chi non esiste.

“Dietro le maschere che indossa non c’è nulla” continuò e io rimasi muto perché non c’era davvero nulla da dire “ho ben cercato a lungo senza trovare e se qualcosa di lei deve pure esistere da qualche parte, quella persona non è qui, ora. Lessi in un suo racconto che un’altra vita non c’è, questo lei lo crede e lo scrive, ma ha più torto di quanto sia ragionevole averne.” Se anche Saunders nutriva dei dubbi raramente lo dava a vedere.

Al momento non gli diedi molta retta, concentrandomi sulla bibita fresca, ma scoprii inaspettatamente in seguito che un’altra vita c’è davvero, occorre soltanto riaprire gli scatoloni e le casse in cui l’abbiamo rinchiusa nei momenti di sconforto o distrazione.

Con il conforto e la concentrazione divenni altro da quel che ero sempre stato, o da quel che avevo finto di essere sin lì, tornai insomma adolescente, ma questa volta ero davvero io e il volto mascherato dello sconosciuto che ogni mattina mi osservava senza vedermi dallo specchio si tramutò infine nel mio viso nudo. La persona nuova che ero si costruì a propria misura un mondo tutto nuovo in cui vivere.

Ott 212019
 

Some among logically equivalent predicates are more empirically sound than others. Is experience, intended here as selective, repeated perception, with its consequent (mental building of a) representation of an external world (reality, perhaps?) the only way to discriminate among them?

Is there anything useful left within the doomed shell of logical empiricism that can still be salvaged?

 Posted by at 18:19  Tagged with:

Bristling city

 Post  Commenti disabilitati su Bristling city
Set 302019
 

The city was humming.
Up above, the drone of droids, the buzz of drones were almost unbearable.
Down below the insta-metro was bristling with people.

“Not so insta,” she thought, half bored.
Then she said, abruptly, “uncle, grandpa told me that once upon a time you could buy real physical tickets, like, made out of paper. I have a hard time imagining it, much less believing it was true.”
“It was actually so, child,” he answered “you could buy ‘em, you could sell ‘em, find ‘em, lose ‘em, lease ‘em, you could get lucky and you could get unlucky, such is the cost of freedom. Now they are linked with our personal microimplants, we could not lose them if we knew how to try. We are constantly tracked, traced, slaves to our invisible masters.”
“The faceless rulers,” she commented.
”There are rulers no more, just rules. But we can always get rid of our microchips, it’s easy to take them out.”
“We would be outlaws, then. All outlaws die young, everyone can kill them with no consequences.”
“But they live free, it’s worth it, and in any case only the police droids would know you have no implant, if you are careful enough.”
“We were taught that freedom is worthless, and we believe it in our hearts, if not in our brains.”
“Your generation is lost, then, young Lisa, but another will come and rebel against you, then another will rebel against them and eventually one will come, one day, which will rise against the invisible rules.”
“And lose,” thought Lisa, quietly.
“For such is the cost of freedom,” said he as if reading her mind.

Fusion

 Post  Commenti disabilitati su Fusion
Mar 222019
 

La contaminazione tra jazz e rock mi causa lo stesso effetto del condire le tagliatelle con la marmellata di fragole; due ottime cose che preferisco godermi separatamente.

 Posted by at 09:02  Tagged with:

Il Vil Dispregio (IV)

 Post  Commenti disabilitati su Il Vil Dispregio (IV)
Ott 152018
 

Fra terribili mostri, onde assalita
Visse l’umana gente afflitta in terra,
Un già ne sorse oltre misura orrendo:
Chiamossi Inopia; insopportabil schiera
D’altri avea seco abbominati mostri:
Ciò fu l’orrida Fame, il vil Dispregio,
Lo scolorito e taciturno Affanno,
E la temuta a gran ragion Vigilia.

Gabriello Chiabrera – Il Tesoro (da “Rime”, XVI secolo)

Il Vil Dispregio (III)

 Post  Commenti disabilitati su Il Vil Dispregio (III)
Ott 152018
 

Così dicea la donna, e il vil dispregio,
e mille turpi Genii intorno a lei
la gien beffando intanto, ed inframmesso
il pollice a le due vicine dita,
ad ambe mani le faceano scorno.

Giuseppe Parini – Frammento CCX sulla Colonna Infame

Il Vil Dispregio (II)

 Post  Commenti disabilitati su Il Vil Dispregio (II)
Ott 152018
 

Quei che del popol stolto idol s’è reso,
Dal popol stesso lo vedrai sprezzato.
… Vuoi che un altar s’erga a te pur? Sii forte.
La debolezza il vil dispregio attira.

Diego Soria – Solimano Secondo (1825)