Ott 022017
 

Siccome non è che, per quanto snob, io possa voglia trascorrere tutta la vita a leggere “à la recherche du temps perdu”, “la comédie humaine”, “Война и миръ”, o “Ulysses”, ultimamente — nel senso di da un paio d’anni a questa parte — mi sono messo a leggere qualche libro di Carlton Mellick III e in genere trovo che mi diverte nonostante tutto e per quanta diffidenza e disinteresse io provi verso l’horror in generale e questo tipo di horror in particolare. Ci sono sempre le eccezioni. Al momento Warrior Wolf Women of the Wasteland è il mio preferito.

Nuovo indirizzo

 Post  Commenti disabilitati su Nuovo indirizzo
Mag 162014
 

Non che importi più di tanto, dato che qui non ci scrivo pressoché più. E i link saranno di nuovo tutti scombinati, ma quest’ultima cosa è responsabilità mia: sono anni che devo armarmi di SQL e fare un bell’aggiornamento dei link che puntavano a splinder, cui poco fa si sono aggiunti quelli di dyndns.org (requiescat in pecunia).

Avviso

 Avviso  Post  Commenti disabilitati su Avviso
Nov 162013
 

Nel caso, cari ventun lettori, in cui leggiate i post direttamente da un feed RSS, vi state perdendo e vi siete perduti tutti i millanta aggiornamenti che sono solito apportare dopo la pubblicazione.

Sentenza sputata.

 Post  Commenti disabilitati su Sentenza sputata.
Ott 232013
 

Scegliere il male minore è pur sempre un male, però minore.

Se non si procede per gradi non si arriva da nessuna parte, fatta salva l’invenzione del teletrasporto.

Seguito Digressione

 Seguito Digressione  Post  Commenti disabilitati su Seguito Digressione
Ott 012013
 

Come non detto, essendo io meno pigro e più furbo di quanto io stesso non creda il database mysql è posizionato fin dalla sua creazione sul disco esterno, quindi la lentezza dipende da altre cause, tra le quali darei la palma alla poca RAM e al processore. Del resto con 5 watt di potenza, disco esterno escluso,  non si può pretendere.

La notizia successiva è che sono quattro giorni che a tratti mi piove dal soffitto del bagno, nonostante l’aggirarsi per il mio appartamento (e per quello di sopra) di numerosi energumeni che sfondano pareti e cambiano tubi. In pratica vivo in una palude da sabato scorso… nessuno è inciampato nei cavi del server, per il momento, ma potrei decidere di spegnere il tutto fino a che le acque si calmino (pun intended).

Digressione

 Digressione  Post  Commenti disabilitati su Digressione
Ott 012013
 

Feedburner, che non so quanto possa essere attendibile, mi suggerisce che in soli tre quattro giorni di articoli automatizzati  il numero di sottoscrittori al feed di questa cosa che state leggendo sia passato da 5 a 14, causandomi un certo stupore perché innanzitutto sinora sono stati pubblicati scritti relativamente vecchi e già resi disponibili altrove, e in secondo luogo non so in quale modo misterioso quasi dieci persone siano riuscite a trovarmi. Urge comunque che io modifichi la (ridicola) configurazione preinstallata in modo da non avere il database memorizzato sulla scheda SDHC, quanto meno. Cosa che, unita all’hardware non particolarmente performante dell’accrocchio, spiega i biblici tempi di accesso.

De Lana Caprina

 Post  Commenti disabilitati su De Lana Caprina
Dic 212012
 
alter rixatur de lana sæpe caprina propugnat nugis armatus

alter rixatur de lana sæpe caprina propugnat nugis armatus

Se ben ricordo, ma che io ricordi bene o meno non è importante, il dissidio personale e politico tra Josif Stalin e Lev Trotsky venne opportunamente mascherato tramite un argomento teorico, o teologico, non dissimile da quello del filioque: il secondo sosteneva che fosse possibile propagandare e instaurare il socialismo solo quando l’intero pianeta fosse governato da governi comunisti, il primo ribatteva come fosse invece necessario in quel momento sviluppare innanzitutto il socialismo in un solo paese, l’Unione Sovietica, fino all’instaurazione di un’economia mondiale globalizzata che avrebbe reso possible la diffusione del socialismo a livello mondiale. L’auspicabilità di tale diffusione entrambi la davano per scontata in quanto membri del Partito Operaio Socialdemocratico Russo (bolscevico).

Continue reading »

Solstizio d’Inverno

 Post  Commenti disabilitati su Solstizio d’Inverno
Dic 202012
 

Domani verso le 11:11 cadrà il solstizio d’inverno, data in cui i calendari seri fanno terminare un anno, una stagione o quantomeno un mese e ne fanno iniziare uno nuovo. Il nostro calendario gregoriano, per esempio, fa terminare l’autunno e iniziare l’inverno. Domani è il giorno in cui tradizionalmente auguro buone feste e miglior futuro all’umanità intera, è una tradizione personale che si armonizza relativamente bene con le simili tradizioni culturali dei miei amici e conoscenti, dunque non vedo motivo di cambiarla e vi auguro, per l’appunto, buone feste e miglior futuro..

Per il calendario rivoluzionario francese — quello metrico decimale che, se adottato insieme alla decimana e all’ora decimale, sarebbe di una comodità sorprendente per chi non abbia mai provato a utilizzarlo — oggi è il Jour de la Pelle, Décadi, 30 Frimaire CCXXI, ultimo del mese di Frimaio e giorno dedicato alla pala, attrezzo che può tornare utile essendo domani il primo giorno del mese di Nevoso, nomen omen, con cui anche in quel calendario comincia l’inverno.

Oggi è anche l’ultimo giorno del tredicesimo baktun del calendario sacro dei Maya, che ne usavano anche altri due più semplici nella vita quotidiana, — il numero 12 poiché i Maya contavano a partire dallo zero — e precisamente il 12 baktun 19 katun 19 tun 17 uinal 19 kin o, in breve, 12.19.19.17.19. Non mi risulta che ci sia niente di speciale nel tredicesimo baktun, o periodo lungo di 144000 giorni, dato che i Maya tendevano a contare in base 20. Solo gli uinal, specie di mesi di venti giorni, sono limitati a 18 per motivi di sincronizzazione approssimata con un anno solare di 360 giorni, ma i baktun non sono in tal modo limitati e quindi dovranno trascorrerne ancora 7 prima che si renda opportuno recarsi presso la filiale di Cancún della propria banca per farsi consegnare la nuova agenda Maya in omaggio, graziosamente scolpita su pietra. Mancano ancora quasi 2760 anni, siete ancora in tempo per prenotare il biglietto aereo.

Una curiosa e semplice formuletta che non serve assolutamente a nulla

 Una curiosa e semplice formuletta che non serve assolutamente a nulla  Post  Commenti disabilitati su Una curiosa e semplice formuletta che non serve assolutamente a nulla
Nov 182012
 

Espansione di Taylor nell’intorno di $x=B$ (con raggio di convergenza $B$), formula del binomio di Newton, riarrangiamento del prodotto di due coefficienti binomiali, azzardato scambio (in generale scorretto) tra le due sommatorie con indici $n, k$ con contestuale sostituzione $n rightarrow n-k$:

$$x^a = B^a sum_{n = 0}^{infty} {achoose n} left(frac{x}{B}-1right)^n = \
= B^a sum_{n = 0}^{infty}sum_{k = 0}^{n} {achoose n} {n choose k}left(-1right)^{n-k}left(frac{x}{B}right)^k = \
= B^a sum_{n = 0}^{infty}sum_{k = 0}^{n} {achoose k} {a-k choose n-k}left(-1right)^{n-k}left(frac{x}{B}right)^k approx \
approx B^a sum_{k = 0}^{infty}left(sum_{n = 0}^{infty} left(-1right)^{n} {a-k choose n}right){achoose k} left(frac{x}{B}right)^k$$

Che sarebbe una figata, l’espressione di potenze qualsiasi come serie di potenze intere, se solo il termine $sum_{n = 0}^{infty} left(-1right)^{n} {a-k choose n}$ non convergesse, quando converge, a $0^{a-k}$, cioè a $delta_{a,k}$, mostrando a posteriori che lo scambio tra le due sommatorie è possibile e ha senso solo quando $a in mathbb{N}$ e la prima serie si riduce a un singolo termine, conducendo in questo caso alla formula non particolarmente utile $x^a = x^a$.

Culti

 Post  Commenti disabilitati su Culti
Gen 022012
 

Dopo il Grande Cocomero, o Zucca che dir si voglia, La Repubblica ci informa che un’altra religione viene dedicata ai familiari ortaggi: durante la notte di Capodanno la Grande Carota emerge tanto improvvisamente quanto miracolosamente dal terreno dell’orto dietro casa per convertire i miscredenti e mettere alla prova i devoti.

Perde la fede, dopo 16 anni la ritrova sulla carota dell’orto